Online, per telefono, in una fiera, ecc.. In tal caso, infatti, trova applicazione la normativa in materia di diritto di recesso e il consumatore ha tutto il diritto di restituire i regali indesiderati o sbagliati entro 14 giorni dal ricevimento, senza bisogno di alcuna motivazione né di acquistare qualcosa in cambio.

In ogni caso, il consumatore/cliente è tenuto, al momento della richiesta di sostituzione, a restituire il prodotto integro (ad es., con il relativo”cartellino” se trattasi di capo di abbigliamento, con la scatola originale se trattasi di prodotto confezionato, ecc.) e a portare con sé lo scontrino d’acquisto ricevuto (o quello c.d. “di cortesia”, sempre più spesso rilasciato dai negozianti se gli acquisti sono regali). L’esibizione dello scontrino, infatti, consente al commerciante di verificare sia la data che l’effettivo acquisto del prodotto presso il proprio negozio e di tenere in regola i documenti fiscali per gli eventuali accertamenti di natura tributaria.

Regalo difettoso o mal funzionante

Le cose cambiano, ovviamente, se la merce o il prodotto sono difettosi o mal funzionanti.

In tal caso, infatti, trova applicazione la normativa in materia di garanzia prevista dagli articoli 130 e seguenti del Codice del Consumo (d.lgs. n. 206/2005) e il diritto alla sostituzione del prodotto o alla restituzione del prezzo resta indiscutibile.

Secondo le disposizioni del codice, infatti, il venditore è responsabile nei confronti del consumatore per qualsiasi difetto di conformità del bene e quest’ultimo ha il diritto, a sua scelta, di chiedere la riparazione o la sostituzione del prodotto, ovvero una riduzione adeguata del prezzo o la risoluzione del contratto. Il vizio va denunciato entro due mesi dalla scoperta, salvo che il venditore non abbia riconosciuto l’esistenza del difetto o lo abbia occultato.

La garanzia per i consumatori relativamente ai prodotti in circolazione nell’Unione Europea è pari a due anni dalla data dell’acquisto e l’azione destinata a far valere i vizi del bene si prescrive nel termine di 26 mesi dalla consegna dello stesso.

Cambiare i regali acquistati a distanza

Il codice del consumo trova applicazione anche nelle ipotesi in cui l’acquisto del regalo è stato fatto a distanza o fuori dai locali commerciali (come ad es. online, per telefono, in una fiera, ecc.). In tal caso, infatti, trova applicazione la normativa in materia di diritto di recesso e il consumatore ha tutto il diritto di restituire i regali indesiderati o sbagliati entro 14 giorni dal ricevimento, senza bisogno di alcuna motivazione né di acquistare qualcosa in cambio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *